La casa deve saper comunicare con il corpo by AL.Tallarita

L’immagine che l’individuo si crea dello spazio nel quale vive, si struttura sulla base della pratica quotidiana del territorio e sulle numerose forme di simbolizzazione che vi vengono impresse.

La personalizzazione di tale spazio nasce dalla volontà di rendere individuale la dimensione vissuta. La casa racchiude interamente la vita dell’uomo, rappresenta la continuità nel tempo del proprio essere determinando un ambiente che rende possibile la vita, espressione dei modi di condurla e del suo modo di pensare. In ogni società l’abitazione rappresenta il tramite tra l’individuo e la società, mantenendo in essa un insieme di valori.[1]

Imagem1.jpg

 

FIG.1 DALLA CASA MUSEO ALTDESIGN

 

È di fondamentale importanza che l’abitazione sia salutare, in quanto luogo del corpo e della mente, dove si passa molta parte della quotidianità e questo è vero non solo per lo spazio dell’intimità domestica ma anche per l’ambiente di lavoro in cui si istaura un rapporto di tipo privato con lo spazio.

Questo luogo deve riuscire ad apportare benessere alla persona, mostrandosi come uno spazio depositario di un’armonia psicologica e fisica.

Alla luce di quanto evidenziato, a partire dal precedente capitolo, è fondamentale l’attenzione da porre alla scelta dei materiali, alla luce, ai colori, ed alla disposizione degli ambienti oltre che alla considerazione del fattore rumore che influisce sugli ambienti e le persone.

Sono numerose le correnti architettoniche che si pongono l’obiettivo di creare quest’armonia nella progettazione e nella cura dello spazio. Studi specifici si sono ampliati nel corso degli anni sessanta e settanta, alcuni fondati su teorie orientali, il cui obiettivo e di riuscire a curare ogni minimo particolare del luogo vissuto, dallo spazio, ai colori, dalla luce, alla posizionabilità degli oggetti e degli arredamenti presenti, finalizzando tale ricerca al benessere completo degli organismi viventi che operano in esso.

La casa, e l’ideazione architettonica che la realizza, deve saper comunicare con il corpo, afferrarne le necessità e realizzare la prosperità dello spirito.

Molte discipline, dalla medicina alla geobiologia, esaminando l’influenza dei campi elettromagnetici, sono pervenute negli anni sessanta ad identificare alcuni luoghi come causa di numerose malattie e disturbi, partendo dalla presa di coscienza del fatto che l’ambiente con cui si mette in relazione l’organismo umano per la maggior parte del tempo è rappresentato da luoghi chiusi d’interazione, come le abitazioni e i luoghi di lavoro.

Già Ippocrate nel V-IV secolo a.C. ad esempio sosteneva che per poter essere a conoscenza di un quadro completo del paziente occorresse conoscere il luogo entro cui la persona vivesse nonché tutto quello che lo circondasse.

Questo sta a dimostrare quanto sia determinante l’influenza di un luogo sull’individuo che lo vive. Con la riscoperta del sacro ed un avvicinamento alle tradizioni orientali, superando quella che è stata la dimensione razionalistica del novecento, lo spazio abitato e l’abitare hanno assunto la consapevolezza di centro del mondo.

Il dimorare è la prima percezione della propria interiorità da cui irradiarsi verso l’esterno e l’abitazione è il luogo dove progettare le cose prima di affrontare l’esterno.[2]

I metodi d’indagine sullo spazio, sono numerosi e differenti per epoche, finalità sociologiche, biologiche, estetiche, tra questi: la Bioarchitettura, il Feng Shui, e la Domotica, occupano certamente una posizione interessante, negli studi finalizzati alla creazione dell’equilibrio psicofisico della persona, in virtù di un innalzamento della qualità della vita quotidiana

[1] Tratto da “Antropologia Della Casa” G.Castelli Gattinara,F.De Luca,R.Giorni,G.Perrucci. Ed.      Carabba

[2] Da M. Corrado, Ibidem.

Pubblicato da annaluanatallarita

Scrittrice, cantante jazz, filosofa antropologa. Artista e designer. Anna Luana è la figura rinascimentale dell'artista a tutto tondo.Curiosa delle sfaccettature umane, ne ha intervistato, scovato ed elaborato le potenzialità i segreti le eccentricità, le normalità e le naturalità. Docente universitaria a Lisbona, è docente a contratto anche nelle scuole italiane secondarie superiori, per varie discipline, (lettere classiche, filosofia, design, musica..) quest'anno a Milano. Philosophy Doctor, ha conseguito il primo dottorato di ricerca con una tesi sulla volontà di potere e le sue manifestazioni sociali architettoniche e di design. Plurilaureata è un intellettuale e tutto tondo, italo portoghese, viaggiatrice e attenta, analista politologa della società contemporanea. Il Suo ultimo libro: Il potere del potere, tratta delle tematiche del potere e delle sue manifestazioni materiali, a dicembre sarà in uscita il nuovo libro sul : potere della comunicazione. Non si fa mancare le produzioni artistiche, infatti nel 2019 esce il suo 6 disco di jazz: Eva, con liriche scritte e composte da lei e magistralmente suonate da i musicisti A.Rea D.Rosciglione L.De Seta. e un un singolo pop, con video di domenique Carbone: La notte imprevedibile.oltre a mostre fotografiche e pittoriche. www.annaluanatallarita.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: