Scandali da spiaggia.. quando l’inno di Mameli divide anziché unire

Scandali da spiaggia.. quando l’inno di Mameli divide anziché unire

Orbene se la protesta degli oppositori del PD si deve risolvere in arguire il ministro Matteo Salvini in costume da bagno e pancetta Italica.. probabilmente le tematiche di loro interesse stanno scemando verso l’impossibile. Questa forfettaria sinistra non d’accordo su nulla, in Italia ha cercato di sovvertire il sistema. Utilizzando la mannaia dei governi tecnici, per poi cercare di creare: una sostituzione etnica, dare appoggio a un globalismo esasperato, dare manforte a chi vuole sostituirsi con neocolonialismi  in continenti come l’Africa, ricchi di minerali e giacimenti petroliferi forzando una diaspora e una nuova tratta umana, con la complicità di Ong e magnati finanziatori.
E ritornando alle spiagge, se essere popolare vuol dire stare in mezzo alla gente, fare le vacanze come la gente le fa, anche se magari non è l’unica vacanza possibile che è un Ministro possa fare, ebbene questo essere in mezzo alla gente lo rende fortemente popolare. A che questo diventi monito di critica è veramente ridicolo! Anche perché più questa critica aumenta, più il benestare del popolo nei confronti del Ministro, come persona, delle sue politiche e dellla Lega, aumentano e sono i numeri a parlare. Quelli di un popolo che democraticamente si è espresso al voto. E che oggi aumentano le percentuali di gradimento al 38 quaai 40% per la Lega. Dopo una successione di governi tecnici in cui al popolo italiano è stato vergognosamente vietato di poter esprimere democraticamente Il proprio voto. Oggi quel popolo messo a tacere dai poteri alti vede la presenza assidua di un Ministro che per la prima volta ascolta le sue istanze. Con la medesima disponibilità all’ascolto maturata von l’incarico al Comune di Milano. Una persona sempre aperta alle istanze del prossimo, che ascolta e da quell’ascolto parte per le riforme istituzionali. Ebbene la politica è proprio questo: dare delle risposte dopo che si è ascoltato. Pertanto il popolo va ascoltato! Con le sue istanze, le rimostranze, le paure.. va accolto per non sentirsi solo e ha bisogno di una guida. Ebbene Salvini incarna in se tali aspetti. La sinistra italiana se vuole ricostituirsi ha bisogno di farlo su dei principi idealistici molto più forti, che siano radicati nuovamente nel sociale, senza strumentalizzazioni, o non si sente realmente rappresentata da questa scialba sinistra che grida allo scandalo per un costume da bagno è nasconde i fatti fi Bibbiano dminuenfo uno scandalo che ha usato i bambini, abborrendo un inno di Mameli cantato da giovani felici e festanti in un estivo Club marittimo.
Al. Tallarita

Pubblicato da annaluanatallarita

Scrittrice, cantante jazz, filosofa antropologa. Artista e designer. Anna Luana è la figura rinascimentale dell'artista a tutto tondo.Curiosa delle sfaccettature umane, ne ha intervistato, scovato ed elaborato le potenzialità i segreti le eccentricità, le normalità e le naturalità. Docente universitaria a Lisbona, è docente a contratto anche nelle scuole italiane secondarie superiori, per varie discipline, (lettere classiche, filosofia, design, musica..) quest'anno a Milano. Philosophy Doctor, ha conseguito il primo dottorato di ricerca con una tesi sulla volontà di potere e le sue manifestazioni sociali architettoniche e di design. Plurilaureata è un intellettuale e tutto tondo, italo portoghese, viaggiatrice e attenta, analista politologa della società contemporanea. Il Suo ultimo libro: Il potere del potere, tratta delle tematiche del potere e delle sue manifestazioni materiali, a dicembre sarà in uscita il nuovo libro sul : potere della comunicazione. Non si fa mancare le produzioni artistiche, infatti nel 2019 esce il suo 6 disco di jazz: Eva, con liriche scritte e composte da lei e magistralmente suonate da i musicisti A.Rea D.Rosciglione L.De Seta. e un un singolo pop, con video di domenique Carbone: La notte imprevedibile.oltre a mostre fotografiche e pittoriche. www.annaluanatallarita.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: