Degenerazione del politicamente corretto


Quando il pensiero ‘politicamente corretto’ degenera, si pone al di sopra della ragione, al di sopra della realtà, al di sopra della verità e quando la verità vuole essere bavagliata da maschere, da silenzi forzati, indotti, su cose inopportune, che vengono taciute e allora le voci del popolo, della gente, delle associazioni si alzano comuni. Seguo, scrivendo quest’articolo e riportando per intero la lettera che il gruppo di femministe: ‘Se non ora quando – Libere’, ha scritto contro questo DDL Zan (che unisce, a varie firme, 5 DDL e vuol sostituire modificando due articoli del codice penale e la legge Mancino). E continuo, pubblicando proprio oggi questo articolo, in seguito alla manifestazione di liberi cittadini italiani, avvenuta ieri a Roma davanti a Montecitorio. E che ha visto tutti noi presenti, insieme a onorevoli parlamentari e europarlamentari della Lega insieme a Matteo Salvini e a seguire anche Giorgia Meloni e onorevoli di Fratelli D’Italia. (https://www.pianainforma.it/news-calabria/il-bavaglio-orwelliano-e-la-discriminazione-al-contrario-la-piazza-manifesta-a-roma-in-silenzio-tra-evocativi-cartelli-di-al-tallarita).
La lettera, che qui ripropongo per intero sottolinea, a mio avviso in modo esatto, un approccio sbagliato e pericoloso che vuole sostituire al sesso, l’identità di genere.

Ecco la lettera:

” Di seguito la lettera che abbiamo inviato ai firmatari del ddl Zan contro l’omotransfobia per chiedere una più approfondita riflessione, sgombra da ogni automatismo di schieramento politico o partitico:

Gentili onorevoli,

ci rivolgiamo a voi firmatarie/i del ddl Zan perché riteniamo necessario informarvi sui motivi della nostra forte preoccupazione per una proposta legislativa contro l’omotransfobia che estende i crimini d’odio anche alla cosiddetta “identità di genere”. Con questa espressione si sostituisce l’identità basata sul sesso con un’identità basata sul genere dichiarato. Attraverso “l’identità di genere” la realtà dei corpi -in particolare quella dei corpi femminili- viene dissolta.

Noi siamo favorevoli a che nel nostro Paese si arrivi alla definizione di norme contro ogni discriminazione in base all’orientamento sessuale. Il nostro allarme non è quindi generato da pregiudizi di sorta, è piuttosto il risultato di specifici, concreti e diffusi episodi, avvenuti all’estero e in Italia nei quali si rivela la carica di intolleranza e discriminazione contenuta nella formula della “identità di genere” nei confronti delle donne. Citiamo gli ultimi più eclatanti episodi:

Caso J.K. Rowling, l’autrice di Harry Potter, femminista e liberal che per aver difeso Maya Forstater (una ricercatrice licenziata dal suo posto di lavoro al Center for Global Development per un tweet considerato “discriminatorio verso i trans” poiché sosteneva che “la differenza sessuale è biologica”) si è vista rovesciare addosso una valanga di accuse di omofobia, sessismo, razzismo, transfobia. Molto semplicemente aveva affermato “Rispetto il diritto di ogni persona trans di vivere in qualsiasi modo lo ritenga giusto per sé. Avrei marciato con te se fossi stato discriminato per il tuo essere trans. Nello stesso modo vorrei dire che la mia vita è stata plasmata dal mio essere donna. Non credo sia odioso dirlo”.

In Francia lo scorso autunno è scoppiato il caso di Sylviane Agacinski che si è vista annullare da parte delle autorità accademiche la conferenza su “L’essere umano nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” che avrebbe dovuto tenere all’università di Bordeaux. La ragione? Le violente minacce e intimidazioni da parte della comunità universitaria lgbt alla notissima filosofa accusata di essere reazionaria, omofoba e transfoba, perché contraria alla maternità surrogata. Rifiutarsi di considerare una conquista civile la compravendita di donne e bambini viene considerato un atto di discriminazione e di illegittima difesa di un privilegio eterosessuale.

In Canada si discute del caso di Jessica Yaniv, che si dichiara donna con genitali maschili. Ha presentato diverse denunce contro donne estetiste che si sono rifiutate di farle una depilazione intima. E venendo all’Italia è di pochi giorni fa (25 maggio) la richiesta avanzata da alcuni circoli Arci alla presidenza di espellere dall’Associazione l’Arcilesbica perché:

“Da alcuni anni la dirigenza di ArciLesbica Associazione Nazionale ha iniziato a promuovere discorsi discriminatori contro le persone trans* sui social ufficiali. La pagina facebook di Arcilesbica Nazionale ha difatti più volte ribadito con post, commenti e grafiche l’idea che le persone trans, in particolare le donne trans, non sarebbero da considerarsi per la loro identità di genere, ma per il sesso biologico, con affermazioni come “lesbica è una donna che desidera una donna (e non un uomo che si sente donna)”.

L’occasione per questa sconcertante richiesta è stata l’organizzazione di un webinar con Sheila Jeffreys per il lancio italiano della Declaration on Women’s sex-based rights, nella quale si afferma che, se a livello istituzionale si sostituisce la nozione di sesso con quella di identità di genere, i diritti delle donne ne riceveranno un danno. A livello politico ad esempio, laddove esistono quote o incarichi destinati alle donne, questi potranno essere occupati da persone con identità di genere femminile, come accaduto in Inghilterra, dove nel Labour Party un giovane di sesso maschile e identità di genere femminile è diventato rappresentante delle donne.

La Declaration evidenzia le conseguenze negative per i diritti delle donne di un approccio che sostituisca al sesso l’identità di genere negli sport femminili, nella politica, nelle ricerche sulle donne, nei rifugi antiviolenza.

Questi episodi rendono evidente il rischio di “criminalizzazione” delle femministe e di tutte coloro che rivendicano la differenza di sesso poiché, secondo la logica  espressa anche nel ddl Zan, sostenere che il soggetto del femminismo sono le donne sarebbe una manifestazione di transfobia e come tale sanzionabile. Eppure basterebbe sostituire il termine “identità di genere” con “transessualità” per far cadere rischi e preoccupazioni.

Vi chiediamo pertanto di dedicare alla questione una più approfondita riflessione, sgombra da ogni automatismo di schieramento politico o partitico.

Rita Cavallari, Cristina Comencini, Licia Conte, Antonella Crescenzi, Fabrizia Giuliani, Francesca Izzo, Francesca Marinaro, Donatina Persichetti, Silvia Pizzoli, Simonetta Robiony, Serena Sapegno, Cecilia Sabelli, Sara Ventroni di Se non ora quando – Libere. “
Link: (http://www.cheliberta.it/2020/06/11/ddl-omotransfobia-il-sesso-non-si-cancella/?fbclid=IwAR2GvUjPsynFi3a_o1ZYP_jpV8lxDzLQfuFxj91SpspHJo-xGBC1R4oOySw)


Pubblicato da annaluanatallarita

Scrittrice, cantante jazz, filosofa antropologa. Artista e designer. Anna Luana è la figura rinascimentale dell'artista a tutto tondo.Curiosa delle sfaccettature umane, ne ha intervistato, scovato ed elaborato le potenzialità i segreti le eccentricità, le normalità e le naturalità. Docente universitaria a Lisbona, è docente a contratto anche nelle scuole italiane secondarie superiori, per varie discipline, (lettere classiche, filosofia, design, musica..) quest'anno a Milano. Philosophy Doctor, ha conseguito il primo dottorato di ricerca con una tesi sulla volontà di potere e le sue manifestazioni sociali architettoniche e di design. Plurilaureata è un intellettuale e tutto tondo, italo portoghese, viaggiatrice e attenta, analista politologa della società contemporanea. Il Suo ultimo libro: Il potere del potere, tratta delle tematiche del potere e delle sue manifestazioni materiali, a dicembre sarà in uscita il nuovo libro sul : potere della comunicazione. Non si fa mancare le produzioni artistiche, infatti nel 2019 esce il suo 6 disco di jazz: Eva, con liriche scritte e composte da lei e magistralmente suonate da i musicisti A.Rea D.Rosciglione L.De Seta. e un un singolo pop, con video di domenique Carbone: La notte imprevedibile.oltre a mostre fotografiche e pittoriche. www.annaluanatallarita.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: