Chi ha vinto davvero?Un pareggio. Ma il centro destra unito deve essere felice. E anche la Lega. Seppur qualche somma… Andrà tirata. 

22 settembre 2020 – 16:36


Di Al. Tallarita 
La vittoria è dei governatori, che hanno saputo dare risposte al Covid-19. La vittoria nelle varie regioni di destra e sinistra dichiara questo apertamente. Che le logiche regionali siano lontane dalle logiche di governo è da ribadire. Zaia, De Luca, Emiliano sono uomini che aldilà dei partiti politici, hanno guidato le loro regioni in una situazione di emergenza. E la gente ha votato anche per quel loro operato. Ad oggi dal 2015 al 2020 le Regioni continua a diventare azzurra 15 su 20. Ed é tanto… Oltre a  sottolineare uno scollamento dalle forze di Governo che hanno deciso di mettersi insieme solo per governare. E che infatti, tranne in un caso, hanno corso soli e divisi. Tranne Emilia e Toscana ( vero è che il 40% in Toscana della Lega é un buon risultato) che si confermano roccaforti rosse, il cambiamento c’è stato e continua ad esserci. Le Marche rompono la tradizione e FDI in coalizione vince. Soddisfazione anche Val d’Aosta e Liguria. E quel senatore in Sardegna. Dalla Puglia… Sfugge qualcosa… Voleranno stracci? Quanto quella “trave” peserà agli occhi meloniani? (da citazione Leghista a caldo) anche perché il centro destra, in Toscana, è stato il ‘grande assente’ . Ora i confini del centro destra probabilmente vanno allargati. Per ottenere ancora più risultati. Altra cosa che è risultata, con gli esiti del referendum, è un parlamento delegittimato dai cittadini, così voluto dal popolo. Pertanto delegittimato anche a guidare il paese. Il popolo ha dimostrato di scegliere le persone. Anche nella scelta di candidature innovative. Mentre inutile polemica è la bagarre mai esistita in Veneto. Dove lista Zaia o Lega, sempre di militanti leghisti a pieno titolo si tratta.. Ora altro dato chiaro, è il fallimento del M5s che sta sparendo praticamente. Però passa ossigeno a un Partito che era morto: il PD. Il taglio parlamentare votato da tutti, che farà passare alla storia Di Maio, la gente lo ha voluto perché appena sente parlare di soldi.. E forbici contro presunte o vere caste.. non ci vede più. E poter osteggiare il potere, tagliando e risparmiando, si acceca su cosa in vero paga poi in termini di conseguenze. Cioè meno rappresentatività e meno democrazia. Ma quella di Di Maio è una vittoria di Pirro. Dato che spariscono da ogni regione… I soldi annebiano. E si procederà al taglio stipendi. Ma anche lì nutro qualche dubbio.. Ormai è andata così, il popolo avrà ciò che in democrazia ha scelto. Di certo adesso si potrà accedere alla riforma della legge elettorale. E questo parlamento dovrà attendere, questa sua riforma interna, prima di pensare di eleggere un nuovo Presidente della Repubblica.  Le camere andranno sciolte o si pone un problema di incostituzionalità. Il vero sconfitto, comunque è Renzi. (.. Mah…vedremo.. Se lo solleticherà un rinnovato design da scudo crociato) Ma si deve a lui, di certo, se non si andò a votare democraticamente ad agosto, così come il via al suo processo. E Salvini, fece la ‘grande rinuncia’ in nome della sua proverbiale coerenza, e di fatto rinunciò al grande potere e alla posizione che aveva raggiunto e grazie al voto democratico e popolare. Lui che era stato scelto. E che oggi ha la fiducia del suo popolo che lo vota. Pur nell’immobilità di non poter procedere nelle riforme, di certo quegli aspetti reconditi.. Nella purezza di intenti di futuri-presunti-alleati…..e il padre-Mattarella. Con quella voglia necessaria di andare al voto… Mah é già trascorso un anno. E con i se e con i ma… Bandolo da burattinai. Che poi quell’alleanza, l’hanno fatta con quel Renzi, che di fili se ne intende. Ma tutto questo, del post elezioni oggi comunque, va inserito dentro ai problemi reali… La mancanza di lavoro.. La scuola in esplosione…una spaventosa crisi economica. E gli immigrati fuori controllo con sbarchi a iosa. E a Reggio Calabria intanto la Lega fa un buon esito. Così come in molti altri comuni italiani. Finisce in pareggio in quel dello stretto e Minicuci andrà al Ballottaggio con Falcomatà i primi di ottobre. Questa era una battaglia. La guerra probabilmente al 2023. Rivalutare le strategie e conoscere il nemico.. Intanto… Al ‘Biscione’ GF Vip blocca e solletica davanti la TV 3.000.000 spettatori, tra ‘Speciale Porta a Porta’ e ‘Maratona Mentana’ …. Tutto da dire. 

Pubblicato da annaluanatallarita

Scrittrice, cantante jazz, filosofa antropologa. Artista e designer. Anna Luana è la figura rinascimentale dell'artista a tutto tondo.Curiosa delle sfaccettature umane, ne ha intervistato, scovato ed elaborato le potenzialità i segreti le eccentricità, le normalità e le naturalità. Docente universitaria a Lisbona, è docente a contratto anche nelle scuole italiane secondarie superiori, per varie discipline, (lettere classiche, filosofia, design, musica..) quest'anno a Milano. Philosophy Doctor, ha conseguito il primo dottorato di ricerca con una tesi sulla volontà di potere e le sue manifestazioni sociali architettoniche e di design. Plurilaureata è un intellettuale e tutto tondo, italo portoghese, viaggiatrice e attenta, analista politologa della società contemporanea. Il Suo ultimo libro: Il potere del potere, tratta delle tematiche del potere e delle sue manifestazioni materiali, a dicembre sarà in uscita il nuovo libro sul : potere della comunicazione. Non si fa mancare le produzioni artistiche, infatti nel 2019 esce il suo 6 disco di jazz: Eva, con liriche scritte e composte da lei e magistralmente suonate da i musicisti A.Rea D.Rosciglione L.De Seta. e un un singolo pop, con video di domenique Carbone: La notte imprevedibile.oltre a mostre fotografiche e pittoriche. www.annaluanatallarita.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: